giovani imprenditore agricolo

La nuova politica agricola 2014-2020 punta sui giovani agricoltori

giovani imprenditore agricoloIncentivi ai giovani agricoltori. Anche se tutt’ora in via di definizione la Politica agricola comunitaria 2014-2020 affronta con rilievo  il tema del ricambio generazionale in agricoltura. Una novità è rappresentata dalla  destinazione obbligatoria annuale di fondi  del 2% del plafond nazionale. Gli Stati membri dovranno concedere un pagamento annuo per i giovani beneficiari nell’ambito del regime di pagamento di base. L’Unione Europea  punta al rafforzamento del lavoro e al ricambio generazionale, in quanto la  creazione e lo sviluppo di nuove attività economiche nel settore agricolo da parte dei giovani agricoltori è impegnativo dal punto di vista economico, e al contempo essenziale per la competitività del settore primario dell’Ue.I beneficiari del pagamento saranno le persone fisiche, insediatesi per la prima volta come capo-azienda, con età inferiore ai 40 anni all’atto di presentazione della domanda per aderire al regime del pagamento di base. L’importo del pagamento sarà stabilito annualmente dallo Stato membro, che potrà adottare diverse opzioni per la sua determinazione. Il pagamento verrà concesso a ciascun giovane agricoltore per un periodo massimo di 5 anni dal primo insediamento, poiché dovrà coprire soltanto il periodo iniziale della vita dell’impresa senza diventare un aiuto al suo funzionamento.

Il secondo pilastro della PAC 2014-2020. Nel secondo pilastro, invece, continueranno a essere implementate misure a sostegno dell’imprenditoria giovanile. Il futuro Regolamento sullo sviluppo rurale 2014-2020 conterrà molteplici provvedimenti destinati a favorire il ricambio generazionale nel settore primario; saranno poi le singole regioni italiane a dettagliare nei loro PSR tali misure tramutando l’impegno politico in azioni concrete tramite l’attivazione periodica di bandi. La definizione di “giovane agricoltore” rimarrà invariata rispetto a quella dell’attuale programmazione.

Si faciliterà  facilitare l’insediamento iniziale e l’aggiustamento strutturale delle aziende con due principali misure la misura “Investimenti in beni materiali” finanzierà investimenti materiali e immateriali finalizzati al raggiungimento di molteplici obiettivi (miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità aziendale, diversificazione delle attività, ammodernamento delle infrastrutture). Un giovane agricoltore che aderirà a tale misura potrà ottenere una maggiorazione di ben 20 punti percentuali in aggiunta al contributo finanziario ordinario (pari al 40% del valore dell’investimento).

La misura “Sviluppo dell’azienda agricola”, che assorbe l’attuale misura 1.1.2 “insediamento Giovani agricoltori”, offrirà un sostegno finanziario ai giovani agricoltori, conduttori di micro e piccole imprese, che presenteranno un adeguato e dettagliato business plan per la fase di start-up delle loro imprese (da implementare entro nove mesi dalla data di decisione della concessione dell’aiuto). L’ultima importante novità riguarderà la possibilità di includere nei Psr 2014-2020 appositi sottoprogrammi tematici per affrontare specifici fabbisogni, fra cui il ricambio generazionale. Il sottoprogramma “giovani agricoltori” potrà infatti contenere provvedimenti e azioni di particolare rilevanza che godranno di aliquote di sostegno più elevate rispetto a quelle previste dalle misure ordinarie, al fine di accrescere l’efficienza degli interventi.

Per quanto riguarda l’Italia, Sul fronte dello sviluppo rurale l’efficacia dell’attuazione delle misure e degli eventuali sottoprogrammi dipenderà soprattutto dalla capacità amministrativa delle singole Regioni, nonché dalla propensione a investire delle imprese. Molte regioni italiane, non hanno affatto brillato, in capacità e applicazione, molti fondi non sono stati spesi dalle Regioni per inerzia e incapacità ed inefficienza sono tornati indietro, in più la crisi e la stretta creditizia che stà soffocando le imprese non hanno giovato all’economia.

Fonte: www.agenparl.it

Commenta anche tu l'articolo.

Commenti

37 Comments

  • Natalino 26 ottobre 2016 at 07:32

    Salve ho 31 anni ho un ettaro di terreno vorrei piantare dei mandorli e sono disoccupato posso avere qualche aiuto ha fondo perduto ho altro?

    Reply
    • Antonio Greco 27 dicembre 2016 at 14:18

      Ciao Natalino, puoi accedere ai fondi regionali di sviluppo rurale conosciuti come PSR. Fammi sapere da quale regione scrivi. Saluti.

      Reply
  • Francesco Venezia 27 marzo 2016 at 07:44

    Ciao Antonio, desidero sapere se ci saranno finanziamenti (specie se a fondo perduto) e, considerando che non possiedo terreni di proprietà, come posso fare a insediare un allevamento di bovini nella zona di Maratea. Grazie

    Reply
  • francesco monteleone 6 dicembre 2015 at 17:22

    Sono Francesco,cortesemente vorrei sapere se sono previsti finanziamenti,meglio se a fondo perduto; per attivita’ agricole sulla circumarpiccolo(TARANTO)(Es piantagioni melograno) e per attivita’ agrituristiche zona Grottaglie(TA.INOLTRE VORREI SAPERE, QUALI SONO I REQUISITI RICHIESTI(eta’,metrature etc.) Grazie !

    Reply
  • achille romano 11 ottobre 2015 at 11:12

    la condizione di studente universitario permette l’accesso ai finanziamenti e/o contributi per coltivazione melograni? da Santa Maria di Leuca.

    Reply
    • Antonio Greco 11 ottobre 2015 at 11:27

      Ciao Achille, la condizione di studente permette ugualmente di accedere ai fondi per i giovani agricoltori.

      Reply
  • Simone 22 aprile 2015 at 11:52

    Ciao Antonio, sono un giovane di anni 26 residente in provincia di Lecce, ho appena acquistato due ettari di vigneto, posso accedere al finanziamento come primo insediamento.

    Reply
  • arcangelo 21 febbraio 2015 at 14:23

    oltre al primo insediamento quali contributi ci sono in agricoltura in basilicata a favore di giovani agricoltori,o anche iap?o per culture?grazie

    Reply
  • arcangelo 21 febbraio 2015 at 14:20

    caro antonio,scrivo dalla provincia di matera. sono operaio in cassaintegrazione di una azienda.sto acquistando 2,5 ettari di terreno.desidero sapere innanzitutto se 2 ettari bastano per poter usufruire del primo insediamento.poi mettiamo il casi che coltivo i 2 ettari a melograno?il bando è attivo o è in uscita?ma max 70,000sono a fondo perduto oppure da restituire?quindi da operaio se mi iscrivo iap posso accedere al contributo?e poi devo impegnarmi a conseguire u titolo legato all’agricoltura.grazie delle risposte sin d’ora

    Reply
    • Antonio Greco 16 aprile 2015 at 09:21

      Gentile Arcangelo,

      la cassa integrazione per quanto è di mia conoscenza non permette al soggetto beneficiario di intraprendere altre iniziative professionali, pena la decadenza del beneficio della Cassa Integrazione.
      Tuttavia per rispondere ai tuoi quesiti è necessario attendere la pubblicazione dei bandi del nuovo PSR 2015 della Regione Basilicata. Resta connesso per avere le ultime novità. Grazie.

      Reply
  • vincenzo 30 dicembre 2014 at 12:01

    ciao Nino, mio figlio di anni 30 è proprietario di 3 ettari di terreno nella provincia di Pz, lavora già in una azienda agricola 30 ore settimanali, vorrebbe aprire una sua attività agricola, precisamente la coltivazione e la trasformazione del pistacchio. quali consigli mi daresti e quanto potrebbe accedere ai fondi dei primi insiedamenti. grazie

    Reply
    • Antonio Greco 16 aprile 2015 at 09:25

      Ciao Vincenzo, il nuovo PSR 2015 -2020 al pari del vecchio PSR prevede dei contributi per l’avvio di imprese agricole gestite da giovani. Si parla di un contributo a fondo perduto massimo fino a 70.000 euro che costituirebbero la base di partenza per la realizzazione dell’impianto di Pistacchio. Restiamo in contatto non appena usciranno i nuovi PSR 2015 della Regione Basilicata. saluti.

      Reply
  • lorenzo 26 dicembre 2014 at 15:59

    ciao,sono Lorenzo ed ho 19anni. Volevo sapere come muovere i primi passi in agricoltura visto e considerato che nelle mie zone(Molise) si vende un’azienda abbastanza grande. volevo sfruttare il Psr per realizzare questo sogno. Ti chiedo se puoi darmi delle informazione su come muovermi e come fare

    Reply
    • Antonio Greco 26 dicembre 2014 at 20:05

      Sentiamoci telefonicamente e capiamo quale strada seguire.
      Saluti

      Reply
      • leo 30 marzo 2015 at 20:01

        spett.le antonio greco
        la presente per avere alcuni suggerimenti per il nuovo psr 2015.
        mi chiamo leo sono della basilicata.
        in attesa di una tua chiamata
        porgo cordiali saluti
        per cont.telef.ol mio num.3890114298

        Reply
  • gio 15 dicembre 2014 at 16:52

    Ciao ho 28 anni e scrivo da senise. Possiedo 4199 metri quadrati.. posso comunque rientrare tra i finanziamenti destinati per la nuova politica agricola? Vorrei allevare api e coltivare frutti di bosco. Mi piacerebbe inoltre, avviare un allevamento caprino, ma non possiedo terreni, come faccio? Potrei avere anche una risposta in privato sulla e-mail? Grazie mille un saluto, gio

    Reply
  • Daniele Belarducci 2 dicembre 2014 at 21:34

    Salve sono un ragazzo di 34 anni già occupato in una ditta all’interno dell’AST di Terni visto la nostra instabilità sul futuro vorrei iniziare un allevamento di eliciclidi,avendo già un terreno di 3 ettari, posso usufruire degli incentivi sopra indicati continuando l altra occupazione che dovrebbe durare circa due anni e mi permetterebbe di avviare al meglio il mio progetto o devo licenziarmi?ci sono anche nella mia Regione? La ringrazio anticipatamente.

    Reply
    • Antonio Greco 26 dicembre 2014 at 19:59

      Buonasera, può fare un doppio lavoro purché il tempo impiegato in agricoltura ed il reddito annuale sia rappresentato dai proventi derivanti dall’attività agricola per un importo pari al 50% del reddito totale.
      Es. Se il suo reddito annuo è 10.000 euro almeno 5.000 euro devono provenire dall’attività agricola. Idem per le giornate lavorative. Saluti

      Reply
  • emanuele 4 novembre 2014 at 11:43

    ciao antonio, vorrei subentrare all’azienda agricola di mio fratello che vuole lasciare l’attività per dedicarsi ad altro. Ho 28 anni e dovrei rientrare nella categoria dei giovani imprenditori. L’azienda è in Basilicata, è di circa 6 ettari e noi siamo residenti in Basilicata. Ho letto un po’ di notizie sulla PAC e sui finanziamenti vari e dovrei rientrare. Mi puoi dare qualche info in più.. magari mandarmi a qualche pagina più tecnica in cui posso leggere altre info. Grazie

    Reply
  • giovanni 3 novembre 2014 at 21:38

    Salve, ho 33 anni, i miei hanno un’azienda ormai ferma da un bel po’, nonostante innumerevoli macchine e attrezzature varie. Al momento alleviamo 3 maiali, 2 cavalli, polli, galline, capre, pecore e conigli coltiviamo 100 ulivi, 40 castagni, una ventina di alberi di noce da frutto, mille metri quadri di uva da vino e da tavola, qualche ettaro di grano, di orzo, di pisello proteico, di ceci, di favino è un bel po’ di ortaggi vari. In pratica la collocazione geografica dell’irpinia (AV) ci consente di fare tutto e niente di concreto, ora l’idea è quella di incrementare l’aspetto ortofrutta e di cominciare un discorso di vendita al dettaglio produttore/consumatore più uova fresche, è inutile girarci intorno la mia capacità di investimento strart è misera, al massimo riuscirei a comprare un furgone, una discreta serra è un adeguato impianti irriguo…. detto questo la mia domanda è, quanto rischio? Cosa è fattibile e quanto? Cosa evitare e cosa no? Quali e quanti aiuti è possibile avere non disponendo di un centesimo? Grazie ….!!!

    Reply
    • Antonio Greco 25 novembre 2014 at 16:46

      Ciao Giovanni, forza e coraggio la conformazione della tua azienda si presta bene per la vendita diretta dei prodotti.

      La prima cosa da fare è quella di insediarti in agricoltura (quindi di fatto diventare agricoltore) aprendo PIVA e Posizione INPS non appena usciranno i nuovo PSR della Regione Basilicata, così sfrutti una parte dei fondi (circa 40.000 euro). Non lo fare ora, magari vieni a fare un giro sul mio Blog o visita http://www.basilicatapsr.it con una certa frequenza.

      Con questi soldini puoi iniziare ad allestire un punto vendita aziendale e magari comprare un piccolo furgone per le consegne ai punti vendita presenti in paese o in città limitrofe. Considera anche la possibilità di avviare una serie di attività di Marketing senza le quali tutto rischia di svanire. Se hai bisogno posso aiutarti.

      Buona fortuna..

      Reply
  • Massimiliano Melucci 28 ottobre 2014 at 09:36

    Ciao… Sono un ragazzo di 25 anni e mio padre vuole cedermi circa 40 vacche di rezza podolica nella provincia di potenza… Abbiamo già 2 codici di stalla aperti (uno intestato a mio padre e l’altro a mio nonno).. Mi interessava sapere che incentivi ci stanno come primo insediamento e cosa conviene che io faccio per sfuttare al massimo i premi..

    Reply
  • Johne829 19 settembre 2014 at 23:24

    An fascinating dialogue is value comment. I believe that it is best to write more on this matter, it might not be a taboo topic but generally individuals are not sufficient to talk on such topics. To the next. Cheers edbdbeeddkae

    Reply
  • Giovanni 5 settembre 2014 at 17:12

    Salve,
    sono un ragazzo di 22 anni insieme a mio fraello di 30 anni vogliamo subentrare nella azienda agricola di nostro padre in Basilicata,l’azienda dispone di circa 15 ettari di seminativo + 20 ettari di bosco + varie stalle(bovini,ovini)l’idea è quella di migliorarla (caseificio e trasformazione prodotti tipici), vorrei sapere quali vantaggi e incentivi avremmo! Grazie attendo vostra risposta.

    Reply
  • Donatella 3 settembre 2014 at 15:59

    Basilicata…

    Reply
  • Donatella 3 settembre 2014 at 10:06

    Ciao,
    Vorrei sapere se c’è già un bando disponibile?
    Un giovane agricoltore di quanto può beneficiare?

    Reply
    • Antonio Greco 3 settembre 2014 at 13:24

      Ciao Domenica da quale regione scrivi? Grazie

      Reply
  • giuseppe 22 agosto 2014 at 11:14

    Ciao io sono in basilicata in provincia di potenza. Vorrei sapere se con un terreno di 2 ettari posso iniziare un attività agricola e usufruire del contributo di primo insediamento? Si sanno già le cifre dello stesso? Grazie

    Reply
    • Antonio Greco 1 settembre 2014 at 15:49

      Caro Giuseppe, più che la superficie è importate garantire almeno 1 ULA (Unità lavorative annue) che attualmtente sono 1800 ore di lavoro. Il calcolo si effettua sulla base delle colture che intendi avviare su quei due ettari. Pertanto fammi sapere cosa vuoi coltivare e procedo con il calcolo. Saluti.

      Reply
  • alessio 18 luglio 2014 at 14:37

    Ciao sono un ragazzo di 27 anni insieme alla mia ragazza di 21 anni vogliamo subentrare nella azienda agricola di suo padre in toscana trasformandola in colture ortofrutticole visto che è una azienda di 15 ettari circa vorrei sapere quali vantaggi e incentivi avremmo! Grazie attendo vostra risposta.

    Reply
    • Antonio Greco 19 luglio 2014 at 16:40

      Ciao Alessio, ti consiglio di aspettare il nuovo piano di sviluppo rurale che le regioni stanno elaborando e che diventerà fruibile tra ottobre 2014 o febbraio 2015.

      Se invece avete la necessità di iniziare subito, Ismea ha uno strumento finanziario a disposizione che si chiama Subentro In agricoltura, che prevede un premio di primo insediamento max di 25.000 euro e un contributo in conto capitale pari al 40% dell’investimento. L’istruttoria prevede un tempo di circa 12-18 mesi.

      Nel vostro caso chiaramente si tratterà di consentire un società agricola tra te e la tua ragazza.

      Per altre informazione non esitare a scrivermi, Antonio Greco.

      Reply
      • nino 5 agosto 2014 at 08:23

        salve,
        io sono un ragazzo di 30 anni e ho già la mia attività.
        sono sposata e vorrei sfruttare il primo insediamento a mia moglie che ha 33 anni ed è disoccupata..
        vorremmo iniziare un’attività agricola nuova.
        può darmi qualche chiarimento in merito?
        grazie

        Reply
        • Antonio Greco 5 agosto 2014 at 10:38

          Ciao Nino,

          per poterti dare una risposta più accurata avrei bisogno di sapere in che Regione vorreste avviare la vostra attività.

          Resta di fatto che le misure previste dalla nuova PAC tramite il Piano di Sviluppo Rurale saranno simili in tutte le regioni.

          Reply
  • Francesco 27 giugno 2014 at 20:35

    Come ne posso saperne di più

    Reply
    • Antonio Greco 3 luglio 2014 at 10:14

      Ciao Francesco, puoi scrivermi con più precisione quello che ti occorre e cercherò di accontentarti. Grazie per la visita.

      Reply

Leave a Comment